Da c’iung-hu-cienn ching, l’opera di Lieh-tzu

Un corpo umano può ospitare un cuore d’animale, un corpo d’animale può contenere un cuore d’uomo. In entrambi i casi, se si giudica secondo le caratteristiche esteriori, si è indotti in errore.

Lieh-tzu, c’iung-hu-cienn ching, 1994 Luni, p.35

 

Le basi del Taiji Quan, incontro Sabato 25 Febbraio presso asd La Radice, Torino

Buongiorno a tutti,

confermato questo incontro presso asd La Radice dedicato alle basi del Taiji Quan, dedicato ai giochi col calore, alla percezione dei peso fino alla sua espressione nelle mani. In via eccezionale le lezioni si terranno la mattina dalle 9.30 alle 12.30 circa invece che il pomeriggio.

Ecco il canovaccio della lezione:

  1. oscillazioni e dondolamenti: ingenerare il movimento dal piede fino alla mano
  2. oscillazioni e dondolamenti sui tre piani spaziali
  3. sensibilizzazione delle mani, giochi percettivi con le dita, il dorso e il palmo
  4. giochi percettivi sul calore: dalle mani alle braccia e le gambe
  5. giochi percettivi sul calore: respirazione ren mai, du mai e chong mai
  6. la tigre, movimenti circolari sul posto
  7. la tigre a coppie: sperimentare la pressione dei palmi

 

lezioni-tematice-16-17

<-Lezione precedente

Pitagora vegetariano, in Ovidio, Metamorfosi #3

Astenetevi o mortali dal contaminarvi il corpo con pietanze empie! Ci sono i cereali, ci sono frutti che piegano con il loro peso i rami, grappoli turgidi d’uva sulle viti. Ci son verdure deliziose, ce n’è di quelle che si possono rendere più buone e più tenere con la cottura. E nessuno vi proibisce il latte, e il miele, che profuma di timo. La terra generosa vi fornisce ogni ben di dio e vi offre banchetti senza bisogno di uccisioni e sangue. Con la carne placano la fame le bestie, ma neppure tutte: il cavallo, le greggi e gli armenti vivono d’erba. Sono le bestie d’indole cattiva e selvatica, le tigri d’Armenia e i leoni iracondi e i lupi e gli orsi, a godere dei cibi sanguinolenti. Ah, che delitto enorme è cacciare visceri nei visceri, ingrassare il corpo ingordo stipandovi dentro un altro corpo, vivere della morte di un altro essere vivente! In mezzo a tutta l’abbondanza di prodotti della Terra, la migliore di tutte le madri, davvero non ti piace altro che masticare con dente crudele poveri carne piagate, facendo il verso col muso ai ciclopi? E solo distruggendo un altro potrai placare lo sfinimento di un ventre vorace e vizioso?

Quello che questo signore abruzzese, Ovidio, ci ricorda per mezzo della bocca di Pitagora, in Metamorfosi, libro xv, 75-95, già pochi anni dopo la nascita di Cristo. Evidentemente era un tema caldo anche allora.

<- Ovidio, memorfosi#2