Epionticity

[Il] termine “Epionticity”, usato forse per la prima volta dal fisico quantistico Wojciech H. Zurek per tentare di definire la natura delle funzioni d’onda quantica, partendo dall’annoso dibattito conflittuale tra filosofi e fisici quantistici se le funzioni d’onda descrivano uno stato di conoscenza (epistemico) oppure uno stato di realtà (ontico). Con evidenza Zurek sostiene la contemporanea presenza dei due stati: il concetto di Epionticty rappresenta infatti l’idea che esistenza e conoscenza (o informazione) siano profondamente connesse. Più di quanto abitualmente si pensi. Per fare un esempio […] si è portati a pensare nella pratica quotidiana che le cose portino informazioni, quando il punto di vista epiontico sostiene che le cose sono informazioni.

Ovvero, semplificando di molto: non è che solo la mente può avere effetti materiali e concreti sul mondo, ma ci spingiamo oltre, ovvero il mondo è ciò che gli uomini sanno del mondo. […] Basta un codice informativo che funzioni da potente innesto – in questo caso una parola particolare che “risuona” in maniera altrettanto particolare, parola destinata nei secoli a modificarsi – e il contagio informativo diviene inarrestabile. Anzi, di più: inevitabile. Espandendo ancor di più il concetto:  il mondo cambia, perché non è affatto un costrutto stabile, che le menti umane esplorano e scoprono, ma perché è il prodotto dell’interazione con le menti umane, ovvero esse lo generano, in un continuo processo di autocorrezione.

Danilo Arona in “La parabola della morte inevitabile

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...