Jun’ichiro Tanizachi, Libro d’ombra

Lasciamo da parte le pagine di elogio alla latrina e quelle dedicate al riflesso del lerciume sulle porcellane per cui è diventato famoso: ci troviamo di fronte alla risposta più educata e pacata all’elettrocivilizzazione europea che mi sia mai capitato di leggere.

Chi la subisce, la subisce in un modo subdolo, non militare come avviene grazie alla democrazia via bombe, ma attraverso accordi economici calati dall’alto, alleanze politiche internazionali e decisioni imperiali fosche, non potendone constatare direttamente la mano armata, ma più semplicemente verificandone la pericolosità per le proprie abitudini, la propria identità e più in generale, rendendosi conto che una forma particolare di biodiversità, quella culturale, si va perdendo: le caratteristiche peculiari si perdono a favore di un’uniformità che ne cancella le sfumature impiegando mezzi apparentemente “solo” tecnici.

Siamo di fronte ad un caso ante litteram di globalizzazione economica, quella di Tanizachi è la risposta, emotiva, intelligente e motivata, del risultato di questa pratica moderna sulla vita “tradizionale” di una coscienza sensibile e dotata di una maturità libro d'ombrasufficiente a comunicarci ironicamente che le sta succedendo intorno.

A proposito di coincidenze significative e sincronicità, vorrei condividere con voi questo tratto del libro, a pagina 89. Considerando che l’ho letto l’altra sera ad alta voce in cucina alla mia compagna – come tutto il resto del libro – e che stavamo ascoltando un concerto alla radio, sorseggiando del vino fatto da noi mentre impastavamo il pane con la pasta madre in una vecchia casa di Corso Moncalieri, mi son sentito pericolosamente in linea con le predizioni di Jun’ichiro  …

Anche per questo [la difficoltà di trovare buon cibo] sono sempre più numerosi i vecchi che abbandonano le metropoli, e si ritirano in provincia. Ma, ormai, le piccole città vogliono somigliare alle grandi, e ogni anno, nelle vie principali, cresce la fredda luce radiosa delle lampade elettriche.

Sostengono alcuni che, con l’introduzione dei mezzi di trasporto aerei e sotterranei, la quiete tornerà nella vita urbana. Io sono convinto che, quel giorno, si troveranno altri modi per torturare i vecchi. Rimarrà loro un unico piacere: chiudersi in casa, cucinarsi da soli qualche antico piatto, sorseggiare sake, ascoltare la radio.

p. 89, Jun’ichiro Tanizachi, Libro d’ombra, Bompiani

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...