Seminario Internazionale Cheng Ming Europe 20 e 21 Maggio 2017

Sono 15 anni quest’anno che i maestri Wang Fu Lai e Huang Su Chun vengono in Italia ad insegnare il metodo Cheng Ming: un’occasione da non perdere! Info qui

wfl 2017

 

Pitagora vegetariano, in Ovidio, Metamorfosi #3

Astenetevi o mortali dal contaminarvi il corpo con pietanze empie! Ci sono i cereali, ci sono frutti che piegano con il loro peso i rami, grappoli turgidi d’uva sulle viti. Ci son verdure deliziose, ce n’è di quelle che si possono rendere più buone e più tenere con la cottura. E nessuno vi proibisce il latte, e il miele, che profuma di timo. La terra generosa vi fornisce ogni ben di dio e vi offre banchetti senza bisogno di uccisioni e sangue. Con la carne placano la fame le bestie, ma neppure tutte: il cavallo, le greggi e gli armenti vivono d’erba. Sono le bestie d’indole cattiva e selvatica, le tigri d’Armenia e i leoni iracondi e i lupi e gli orsi, a godere dei cibi sanguinolenti. Ah, che delitto enorme è cacciare visceri nei visceri, ingrassare il corpo ingordo stipandovi dentro un altro corpo, vivere della morte di un altro essere vivente! In mezzo a tutta l’abbondanza di prodotti della Terra, la migliore di tutte le madri, davvero non ti piace altro che masticare con dente crudele poveri carne piagate, facendo il verso col muso ai ciclopi? E solo distruggendo un altro potrai placare lo sfinimento di un ventre vorace e vizioso?

Quello che questo signore abruzzese, Ovidio, ci ricorda per mezzo della bocca di Pitagora, in Metamorfosi, libro xv, 75-95, già pochi anni dopo la nascita di Cristo. Evidentemente era un tema caldo anche allora.

<- Ovidio, memorfosi#2

Le basi del Taiji Quan, incontro Sabato 28 Gennaio presso asd La Radice, Torino

Buongiorno a  tutti, vi aspetto sabato alla radice al terzo incontro delle lezioni tematiche dedicato all’approfondimento e alla scoperta delle posizioni dell’albero, o del palo eretto, il metodo dello zhan zhuang. Famoso come meditazione, pratica efficace per sviluppare forza e concentrazione, approcceremo un metodo di studio chiaro che ci permetta di esprimerne le qualità:

Il movimento grande è meno efficace del movimento piccolo,

il movimento piccolo è meno efficace dell’immobilità.

Nell’immobilità si manifesta il movimento dell’Universo

Wang Xiang Zhai in “Yi Quan”, Luni

Ecco il canovaccio del programma:

  1. oscillazione e dondolamenti all’interno dei limiti posturali
  2. oscillazioni sui tre piani ortogonali e ricerca del centro del movimento
  3. postura delle ossa: allungare la colonna
  4. postura del cavaliere larga e stretta, i parametri degli arti inferiori
  5. postura di base, arti superiori e gambe
  6. angoli delle articolazioni, test a coppie
  7. praticare la postura, tra meditazione e rilassamento

 

lezioni-tematice-16-17

<-Lezione precedente                                                           Lezione successiva ->

L’esercito delle cose inutili – Paola Mastrocola

cose-inutili

Ci sono belle pagine qui dentro.
Purtroppo però, come confessa la stessa autrice nel titolo del paragrafo, il prologo finisce a pagina 153. Il finale è prevedibile (e predetto) a pagina 166.
Un romanzo di tredici pagine insomma, su duecentodieci.

Bel tocco di surrealismo, ma troppo prolisso, su come stiano le cose fra libri, asini e trapiantatori di primule si è vinta una gara di salto in lungo narrativo.

Fanno felice eccezione pagine 208-209.