Giorno 7, Montecoronaro – La Verna

[2 maggio 2019]

È sempre difficile l’ultimo passo, faticoso, sa di fango dove il piede si alza a fatica, pesante del peso di terra accumulata.

Ma guardando indietro si rivede ogni roccia passata in mezzo al confondersi dei quando, disciolto in semplicità di propositi e in chiarezza di gesti simili, ripetuti, reiterati, naturali.

Guardare avanti porta un poco di commozione per il compiuto e il tempo donato, che diventano reali sotto i nostri piedi, nelle nostre bocche, nelle nostre parole e poi nel petto, un misto di aria e sangue, il movimento della vita.

Da arrivati poi, rimane la bellezza del riposo, della compagnia; la chiarezza del dover rientrare e la saggezza di dover ripartire.

Si scorge tra i rami

Alle spalle

In contatto col cielo, Monte Calvano

Monte Penna

Un lungo sagrato

Andando verso

Prima di dormire

<- Giorno 6, Balze di Verghereto – Sorgenti del Tevere – Montecoronaro

Giorno 8, La Verna ->

Annunci